copertina_web contSecondo Michel Foucault, tra il XVII e il XIX secolo la confessione comincia a funzionare nelle società occidentali come uno strumento di sorveglianza e di controllo. Chi si sottopone all’interrogatorio deve dire tutto di sé, lasciando emergere dalle profondità della coscienza una verità nascosta attraverso cui il confessore, il medico o il giudice valuteranno la possibile pericolosità sociale dell’individuo sotto esame. La giurisprudenza e la medicina da una parte e la psichiatria e la psicoanalisi dall’altra si incaricano di richiedere la confessione, di imporla e apprezzarla, intervenendo, quando è il caso, per giudicare, punire, perdonare, consolare, riconciliare. Questo studio indaga i modi in cui, nella Coscienza di Zeno e in Uno, nessuno e centomila, i personaggi di Italo Svevo e Luigi Pirandello si sottopongono ai meccanismi disciplinari imposti dalla confessione e il prezzo che devono pagare per sfuggire all’esclusione sociale.

Antonio Schiavulli, Soggetti a nessuno. Svevo, Pirandello, Foucault, Modena: Mucchi, 2014. 280 pp. 20 euro – ISBN 978-88-7000-618-6

acquista…»

Advertisements